Patience & Change

On a journey towards personal growth, I believe patience is one of the most important qualities we need to develop; and in my experience, one of the most difficult too. After deciding what change you’d like to make, have you ever wished you could just go to sleep and let the change occur overnight? Me too. Unfortunately, it never works like that, despite what some new-age specialists would like us to believe.

When it comes to physical world changes, we know patience is required. We don’t really expect to suddenly manifest a new house, a business, or a child overnight. So why do we expect personal changes to happen easily and instantly? Modern self-help books, audio programs and seminars often give us terrible expectations. Many promise to make us all overnight successes, solving all our problems if we only buy them. Gosh, I’d love to believe them! We’d all love to swallow a magic pill and be instantly healthy and happy. I certainly would. So we invest a lot of time and money but often get zero results. No wonder so many people think the whole idea of personal development is complete nonsense.

In my experience personal growth requires tremendous patience, a skill I work on a daily basis. Also, I notice that life is best when I don’t become overly attached to outcomes and stay open to whatever outcome presents itself, and then adapt. For instance, I’ve been reading health books for about six years and attended many self development courses before I eventually felt ready to quit coffee, tea and stop eating meat. For many years I attempted changes to my exercise habits before I successfully started to stick to my daily routine. I love getting enthusiastic about making a change but I learnt to allow myself to accept whatever outcome occurs, even if I get no immediate results. In fact, I already consider it a result what I learn through the experience itself, like my approach didn’t work and I need to change strategy. Personal development generally occurs gradually over a period of time.

So many interconnected factors have to change together: limiting beliefs, unhealthy habits, negative thoughts, self-destructive behaviors, dysfunctional relationships, etc. Changing any one of these is a serious challenge even when you know how to do it, but for a change to stick, everything around it must eventually change too.

On the bright side, personal growth has a cumulative effect. No effort is ever lost and a change in one area will indeed support changes in other areas. Also, I’m noticing that more frequently I’m able to make changes the first time, probably because I was able to develop enough of the other qualities I needed to make changes stick. So it does get easier when you stick with it.

So, be patient with yourself. Take life one day at a time. Consider each day a gift of life that will allow you to get one step closer to your goal of growth. Honour your own personal timing and resist the temptation to compare yourself to others. Be inspired by others and remember that we all have our own personal life journey and purpose. Everyone you come in contact with is busy working through their own struggles, weaknesses, setbacks, relapses, crisis, and obstacles to their personal growth and recovery. All of us are on the path to personal growth. There is no one exempt from this journey and it takes a lifetime to complete. Personal growth is part of our life, not merely something we check off our to-do list. If we fail, there’s no need to beat ourselves up. Just get back up and try again. It’s not like we have anything better to do 🙂

PAZIENZA & CAMBIAMENTO

Credo che sul cammino della crescita personale, la pazienza sia non solo una delle qualità più importanti ma anche una delle più difficili da sviluppare. Non avete mai desiderato, dopo aver deciso di voler fare un cambiamento, di potervene andare a dormire lasciando che il cambiamento accada nella notte? Anche io. Sfortunatamente so che non funziona mai così, nonostante quello che alcuni esperti del new age vorrebbero farci credere.

Sappiamo tutti che ci vuole pazienza perché si manifestino i cambiamenti nel mondo fisico. Nessuno di noi si aspetta che da un giorno all’altro compaia una casa, un’azienda o un bambino. Allora per quale ragione ci aspettiamo che i cambiamenti personali avvengano facilmente e istantaneamente? Libri, cd, seminari di aiuto-aiuto spesso creano in noi aspettative fortissime. Molti ci promettono ricchezza e successo istantanei, millantano soluzioni a tutti i nostri problemi se solo li acquistiamo. Quanto mi piacerebbe crederci! A chi non piacerebbe buttare giù la pillola magica, ritrovandosi felici e in salute il giorno dopo? A me piacerebbe davvero molto! Spesso investiamo tempo e denaro ottenendo zero risultati. Non c’è da stupirsi se con queste premesse molte persone considerano l’intero concetto della crescita personale un’assurdità.

Negli anni ho sperimentato che la crescita personale richiede una grande quantità di pazienza, qualità sulla quale c’é da lavorare quotidianamente. Noto che la vita fluisce in modo più semplice quando non sono attaccata al risultato e rimango aperta a qualsiasi esito si presenti, adattandomici. Ad esempio, ho letto libri sulla salute e frequentato seminari di sviluppo personale per molti anni prima di sentirmi pronta a lasciar perdere caffè, tè e carne. Ho tentato per molti anni di cambiare le mie abitudini prima di riuscire a trovare la mia routine di esercizi quotidiani. E molte sono le trasformazioni che desidero ancora fare.

Amo entusiasmarmi all’idea di cambiare qualcosa ma ho imparato ad accettare qualsiasi risultato ottengo, anche quando nell’immediato non ne ottengo alcuno. A dire il vero considero un risultato qualunque cosa posso imparare dall’esperienza in sé, anche se si tratta solo di concludere che quel tentativo non ha funzionato e che ho bisogno di cambiare approccio. La crescita personale di solito avviene per gradi, lungo un periodo di tempo più o meno lungo.

Perché siano duraturi, i cambiamenti devono manifestarsi in molteplici aspetti, tra loro interconnessi: credenze limitanti, abitudini malsane, pensieri negativi, comportamenti distruttivi, relazioni disfunzionali ecc. Attuare cambiamenti anche solo in uno di questi aspetti è già di per sé una grande sfida; rendere il cambiamento duraturo richiede che piano piano ogni aspetto in disequilibrio si trasformi.

La cosa positiva è che la crescita personale ha un effetto cumulativo. Nessuno sforzo andrà mai perso, il cambiamento in un’area aiuterà sempre la trasformazione in altre. Mi accorgo anche che sempre più sono capace di cambiare al primo tentativo, forse perché ho sviluppato sufficienti qualità necessarie a rendere un certo cambiamento duraturo. Quindi sì, con il tempo diventa più facile.

In conclusione, sii paziente con te stesso. Prendi la vita un giorno alla volta. Considera ogni giorno un dono che la vita ti fa per permetterti di avvicinarti un po’ di più al tuo obiettivo di crescita. Onora le tue tempistiche e resisti alla tentazione di paragonarti agli altri. Lasciati ispirare da loro ma ricordati che ognuno di noi ha il proprio cammino e proposito da seguire e realizzare. Ogni persona che incontri sta affrontando a modo suo le proprie difficoltà, debolezze, ricadute, crisi e ostacoli presenti sul loro cammino. Ognuno di noi è su una strada di crescita personale. Nessuno è esente da questo percorso e ci vuole una vita per portarlo a termine. La crescita personale è parte integrante della nostra vita, non è solo una lista di cose da fare. Se sbagliamo, non serve colpevolizzarci. Ci possiamo rialzare e riprovare. In fondo non abbiamo niente di meglio da fare. 🙂

17 thoughts on “Patience & Change

  1. Cara Francesca,

    Come hai ragione ! La pazienza e’ la virtu dei forti e non si smette mai di imparare. I love your blog ed il tuo post capita a , proposito, in questi gg stavo ripetendo a me stesso ( nonostante domani compia 25 anni ! e non sia più un bambino) quanto ancora devo applicarmi sul soggetto e quanto sia importante farlo !! Grazie per il tuo remainder baci e abbracci Paolo

    Sent from my iPhone

    • Carissimo Paolo, innanzitutto AUGURISSIMI per il tuo 25°… 😉
      felicissima e onorata di sapere che segui il mio blog. la pazienza è un tema sempre molto “caldo” anche per me….! Un grande abbraccio, Have a wonderful special day xx

  2. thank you, Franci.
    “Noto anche che la vita fluisce in modo più semplice quando non sono attaccata al risultato e rimango aperta a qualsiasi esito si presenti, adattandomici.”
    è ciò su cui sto lavorando. lasciar fluire la vita, senza soffocarla – e soffocarmi 🙂

    un abbraccio
    Elisabetta

    • Ciao Eli, grazie!
      l’obiettivo è quello: vivere con il minor numero di aspettative possibili. non solo nei confronti degli altri, ma soprattutto nei nostri. questo ci permette di essere meno rigidi e più fluidi con la vita e con il mondo intorno a noi. senza per questo abbandonare i nostri obiettivi e i nostri desideri.
      un grande abbraccio 🙂

  3. Cara Francesca,

    che bello sentire che stai continuando a crescere !!! Un abbraccio sincero e vero

    Karin Chantal

    P.S. dammi il numero della tua sorellina per favore

  4. Dear Franci, this is a very inspiring blog that I’ve now read several times. Thank you for sharing.
    Love & Light, YPD

  5. Carissima Francesca,
    grazie per le tue riflessioni così illuminanti e profonde. La pazienza è un tema così difficile per tutti, forse soprattutto per le persone impegnate seriamente in un percorso di crescita. Quanto più tendiamo verso un obiettivo che ci costa impegno e sforzo, tanto più vorremmo vederlo raggiunto. E invece credo che entri anche in gioco quell’atteggiamento che è così estraneo alla mentalità soprattutto di noi occidentali, cioè il distacco rispetto ai “frutti dell’azione”. Come se, quello che conta davvero, incredibilmente, fosse solo la nostra disposizione interiore ed il resto, cioè il risultato, fosse un gradito di più ma, sostanzialmente, un di più.
    Tutto questo porta a riflettere anche su un altro tema difficile che è l’attaccamento. Attaccamento a persone, cose, situazioni, risultati, soddisfacimento di aspettative… Una montagna di trappole del nostro ego.

    Il tuo blog è belissimo.
    Ti abbraccio!
    Elena

  6. Mi ritrovo molto nelle parole di Elena, proprio oggi riflettevo con un amico quanto attaccamento ed avversione rispetto a qualsi oggetto in questione ci ingarbugli e irrigidisca, lasciandoci poi spesso esausti e non a posto. Ovviamente ci vuole pazienza……..
    Daniele

  7. Ciao Franci !! sono molto orgogliosa di te .Tu sai il mio rammarico per non poter partecipare attivamente a Torinoa quanto stai facendo, ma i “benefici” arrivano anche a 124 Km di distanza!
    Stiamo vivendo un momento difficile, ma tutto ci insegna sempre a vivere ed a crescere, a qualsiais età.
    tvb

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s